nascita del bimbo Gesù…

il titolo del messaggio è quasi scontato, forse serebbe bastato dire “NATALE” per capire o forse no…
Già forse no,forse siamo cresciuti in un contesto culturale in cui la “KocaKola ” ha licenziato un vescovo vestito di rosso(SAN NICOLA) che ci annunciava la nascita di un”PICCOLINO”che ci avrebbe aperto una VIA d’uscita dalla RAZIONALE LOGICA dell’ INGIUSTIZIA ASSURDA E MOTIVATA…
Povero San Nicola, secondo il nostro “DIRITTO del LAVORO” in accordo con i sindacati, aveva da secoli superato i termini MASSIMI pensionabili e l’hanno costretto ad andarsene in pensione,
nonostante tutto quello che il vescovo aveva già fatto.
Per rimpiazzarlo, dopo provini e provini di uomini con barbe finte, con pance fatte di cuscini e sorrisi che dopo un ora ti fanno venire la paresi facciale, hanno finalmente trovato lui “BABBO NATALE” …
Bethlemme è stata espropriata e su quel piccolo paesino ci sarebbe dovuta passare un’ autostrada che avrebbe permesso il transito di tir trasportanti lattine fresche ed economiche e SOGNI IN SCATOLA DI OGNI TIPO CON LE INDICAZIONI DI SCADENZA (dai5 minuti alle 2 ore)…dico ci”sarebbe dovuta passare” perchè i pastori sono ancora lì a fare “OCCUPAZIONE” rifiutando GONFI ASSEGNI che svuotano l’anima…
Quindi noi…
…noi che siamo indecisi su che storia raccontare ai nostri piccoli che non sanno più se CREDERE A BABBO NATALE CHE SCENDE DAL CAMINO E GLI PORTA UN REGALINO (di cui di lì a poco non sapranno più che farsene) o CREDERE A GESU’ BAMBINO CHE SCENDE DALLE STELLE IN UN GELIDO DICEMBRE SENZA PANNI E FUOCO PER SCALDARSI UN POCO , PORTANDO UN DONO CHE NESSUN’ OCCHIO VEDE MA A CUI SOLO IL CUORE SE VUOLE CREDE…
…noi che dopo ore e ore di preparazione per la nasc… oh scusate, per il precenone e pranzo natalizio, riusciremo a RACCOGLIERCI con tutti i nostri muscoli liberi (pochi pensando agli sforzi addominali per favorire la digestione) e con tutto il nostro cuore (un po’ raffreddato dalle diatribe familiari sul TOTO-CUCINO IO o cucini tu, a casa tua, sperando di no a casa mia),
IN UNA PICCOLA PREGHIERINA per i poco fedeli o in una PICCOLISSIMA MESSA per i “PIU’ AUDACI DELLA FEDE”…
e la NASCITA DI GESU’ BAMBINO SARA’ TUTTA Lì…
…noi che dinanzi alle grida ed i pianti dei nostri bimbi insoddisfatti dei regali, faremo promesse di regali strepitosi assumendoci OBBLIGAZIONI a RISPONDERE DI EVENTUALI E CONTINUI PIANTI…
…NOI forse anche quest’ anno perderemo un”occasione, “ imparare l’AMORE DA LUI”:
Caro eletto pargoletto
quanto questa povertà
più m’innamora,
giacché ti fece amor
povero ancora!

E senza le solite interpretazioni filosofiche sull’amore e povertà…
Quindi un po’ per scherzo ed un po’ per “DAVVERO”, facciamo anche noi quest’anno una bella
LETTERINA A BABBO NATALE:

Caro babbo,
quest’anno desidererei che tu…
…: lasciassi dal mio cuore la capanna che avevo preparato per un “ALTRO”,
ho davvero capito che LUI solo mi porterà l’unico regalo di cui ho bisogno.
La Via ( per ritornare a vivere con gioia)
La Verità ( di chi non avrà paura di  uscire dal buio di una vita fatta di benessere esteriore e cancri interiori)
La Vita ( di chi avrà il coraggio di perderla per il più piccolo dei suoi fratelli con la fedele-certezza di ritrovarla per sempre).
.

SIGNORE VIENI TRA DI NOI…
BUONA NASCITA A TUTTI

 

3 pensieri su “nascita del bimbo Gesù…

  1. Parlaci di pace, con la Tua vocina
    così ci sveglieremo felici ogni mattina:
    Felici in questo mondo se presto arriverà
    la pace per ogniuno e festa ci sarà:
    Parlaci d’amore col tuo cuoricino
    così noi chiameremo fratello ogni bambino.
    Fratello cosa importa di che colore è?
    l’amore è arcobaleno più siamo e meglio é
    Parlaci di gioia con il tuo sorriso
    così noi spargeremo l’amore su ogni viso.
    E a chi si sente triste diremo noi quaggiù:
    LA GIOIA E’ RITORNATA, E’ IN MEZZO A NOI GESU?

    BUONE FESTE A TUTTA LA FAMIGLIA UNITALSIANA.

  2. Ben detto Willy Billy, ben detto. Apprezzo molto il tuo commento che è più pacato rispetto alla voce tuonante di zeroassoluto, ma comunque molto chiaro e incisivo.
    Buon Natale pieno di amore a tutti!

  3. Anche se alcuni toni possono essere da Naomi Klein, condivido il ragionamento di fondo di ZEROASSOLUTO!
    Chè il Bambinello che nasce, piccolo ed indifeso, venga a scuotere le nostre coscienze intorpidite!
    Chè i gemiti del piccolo Gesù sconvolgano le nostre vite!
    Chè questi giorni non siano per noi una vacanza, nel senso letterale del termine: vuoto, mancanza, assenza, ma siano piene della grazia che potremo ricevere solo accostandoci con umiltà all’Unica persona in grado di restituire un significato alle nostre esistenze!
    Chè gli sguardi semplici ed adoranti di Maria e Giuseppe accarezzino le nostre perplessità per consentire una CON-VERSIONE, intesa come un’inversione ad U del nostro cammino!
    Il nostro incedere, a volte stanco, insoddisfatto, a volte altezzoso, tronfio, sia intralciato dal sopraggiungere di un compagno di strada che non ci giudica, che ci usa misericordia, ma chiede la nostra umiltà, la nostra completa disponibilità, la nostra accoglienza incondizionata.
    La frenesia dei regali, la fiera delle vanità, la fame di mondo siano oscurate dal desiderio di Dio; Lui solo ci può sussurrare i segreti per la nostra felicità e al tempo stesso irrompere come un dardo di fuoco nel buio della notte delle nostre paure.
    Aiutiamo gli increduli a non aver paura di ascoltare parole di Verità.
    Le classiche richieste “PACE NEI CUORI” o “GESU’ NASCA DENTRO DI NOI” sono vane, ipocrite e stereotipate se non sono precedute dall’accoglimento della VERITA’.
    Senza un fondamento le nostre opere, i nostri lodevoli intenti sono destinati a franare se non sono saldamente ancorati a Lui.
    Perchè la nostra vecchia Europa ha paura di parlare di Cristo, tanto da nascondere il presepe per lasciar spazio a manifestazioni pagane o pseudo-religiose, a canti che inneggiano alla bontà, alla tolleranza (io direi buonisti), ma senza Cristo?
    Come si può insegnare ai bambini il significato della festa del Natale se questa è orrmai diventata (come dice giustissimamente ZEROASSOLUTO) il simbolo dello spreco e dello sfoggio delle inutilità?
    Forse che non preparando i presepi saremo considerati tolleranti perchè non abbiamo urtato le sensibilità altrui?
    Dice Gesù che se ci vergogneremo di Lui e lo rinnegheremo su questa terra, Egli ci rinnegherà davanti al Padre suo.
    Chè questo Natale possa essere una rinascita per tutti noi, un nuovo inizio per essere capaci di stare al fianco della gente, di servire gli utlimi, di saper perdonare e di saper chiedere perdono.
    In questi giorni non sediamoci a tavola (perchè è anche giusto banchettare) se prima non ci siamo riconciliati con almeno una persona con la quale ci si guarda in cagnesco.
    Liberiamo le nostre polverose, maleodoranti, incorstate soffitte e lasciamo spazio al RE!
    Buon NATALE a tutti!!!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *